mal di schiena/lombalgia cronico

Perchè la schiena può far male per mesi o addirittura anni? Cerchiamo di rispondere a questa complessa domanda.

Allarme, Segno, Fuoco, Red, Icona

Provate ad immaginare il dolore come un allarme anti-incendio: ogni volta che scoppia un incendio l'allarme suona e noi, allertati dal rumore, possiamo scappare e salvarci. Quando decidete di traslocare e spostate decine di scatoloni in pochi giorni può succedere la stessa cosa: la schiena ha lavorato troppo, il sistema difensivo del corpo ve lo comunica (dolore) e con qualche giorno di riposo tutto è passato. Ma nel mal di schiena cronico il dolore non passa e azioni banali come lavarsi i denti o alzarsi da letto diventano problematiche. E' possibile che ci sia un pericolo in attività cosi semplici? La risposta è ovviamente NO!

Infatti nel mal di schiena cronico cambia il funzionamento del nostro sistema dolorifico: sentiamo male ma non in maniera proporzionata alle reali condizioni della schiena. E' per questo che nonostante il riposo il dolore non passa da solo. E' come se l'allarme anti incendio continuasse a suonare dopo che l'incendio si è spento o si attivasse per il semplice fumo di una sigaretta. Il risultato è sempre lo stesso: noi sentiamo l'allarme (il dolore). Anche se sembra difficile pensare all'idea che il male che avvertiamo sia un'informazione scorretta, esistono svariati esempi in cui il nostro sistema dolorifico fallisce. Ad esempio il grosso delle patologie tumorali non fa male anche se dentro il nostro corpo qualcosa sta cambiando. Nell'infarto invece il dolore arriva troppo tardi, quando ormai il danno è già avvenuto. Oggi sappiamo che può avvenire anche il contrario, cioè un dolore senza una causa anatomica proporzionata: il nostro sistema dolorifico non è infallibile!

Ovviamente chi soffre da anni avrà già fatto esami quali rx o risonanze magnetiche che evidenziano schiacciamenti, protrusioni, ernie, discopatie ,etc. Queste alterazioni però hanno poco significato nel mal di schiena cronico: esattamente come sulla vostra pelle negli anni si creano le rughe, allo stesso modo all'interno della schiena le strutture si modificano, non necessariamente si danneggiano. Il corpo umano è vivo, rigenera, può adattarsi e sopperire ai fisiologici cambiamenti che avvengono nella sua struttura. Numerosi studi hanno dimostrato che raramente c'è una relazione tra sintomi e referti delle risonanze in questa patologia.

Quindi è possibile ritornare ad un corretto funzionamento della nostra schiena. Tramite l'esercizio terapeutico e il trattamento manuale si può allenare il nostro corpo e riprendere la nostra vita quotidiana senza dolore e in totale sicurezza. E' un percorso personalizzato che il fisioterapista individua con il paziente in base alla sua storia clinica, alle sue esigenze e disponibilità.

Qui trovi un semplice video sul dolore cronico.

Quale ginnastica fare per il mal di schiena?clicca qui per approfondire

 

Bibliografia

Flynn et all, Appropriate use of diagnostic imaging in low back pain: a reminder that unnecessary imaging may do as much harm as good,  Jospt (2011)

Foster et all, Prevention and treatment of low back pain: evidence, challenges, and promising directions, Lancet (2018)

Smith et all, Musculoskeletal pain and exercise: challenging existing paradigms and introducing new, British journal of sport medicine (2019)

North american spine society, Evidance-based clinical guidelines for multidisciplinary spine care (2020)